Elenco dei Siti Protetti dall’UNESCO

List of UNESCO - Ethiopia

Elenco dei Siti Protetti dall’UNESCO

AXUM

Le origini del regno di Axum nel V secolo aC sono frequentemente accettate come l'evento che inizia la storia dell'Etiopia. Nei tempi della sua più grande prosperità, il Regno manteneva contatti politici e commerciali con le civiltà di greci e romani, con l'India e la Cina. Ai tempi del regno di Axum, la lingua Geez divenne l’idioma ufficiale e, fino ad oggi, è è utilizzata nelle chiese del Paese. É una lingua che proviene dai popoli dell'Asia meridionale che hanno raggiunto queste terre sulla loro strada dallo Yemen molto tempo prima della creazione del Regno di Axum. Ad Axum è possibile ammirare i capolavori dell'architettura, ad esempio le famose stele, fino ad oggi fonte di ispirazione per i progettisti di edifici moderni. Poco tempo fa, la stele saccheggiata durante l'occupazione italiana, venne restituita alla città. Fino ad Haile Sellassie, Axum fu la sede delle incoronazioni degli imperatori. In una cappella speciale accanto alla cattedrale di Tsion Marjam (Santissima Madre di Dio di Sion), viene conservata la leggendaria Arca dell’Alleanza. Secondo una leggenda, è da qui che partì la regina di Saba per incontrare il re Salomone. Sono stati preservati le rovine del suo palazzo e gli enormi bacini idrici che fungono anche da riserva di acqua dolce.

LA VALLE DEL FIUME AWASH

Si tratta di uno dei più importanti siti paleontologici dell’Africa. I resti che sono stati scoperti qui, e il più antico dei quali ha almeno 4 milioni di anni, hanno fornito le prove per l'evoluzione dell'uomo che ha modificato la concezione dello sviluppo dell'umanità. La più grande scoperta fu fatta nel 1974, quando, sulla base di 52 frammenti di uno scheletro, fu ricostruita la famosa "Lucy". Questa regione è abitata dalle tribù nomadi del popolo Afar. Alcune di queste tribù, come migliaia di anni fa, hanno come mezzo di sussistenza l’estrazione del sale dal fondo dei laghi secchi. Questi blocchi vengono quindi trasportati a dorso di cammello all'interno del paese.

LA VALLE DEL FIUME OMO

La valle del fiume Omo, nelle vicinanze del lago Turkana, è un sito preistorico nel quale sono stati rinvenuti resti di ominidi fossili (tra gli altri, di Homo gracilis), di grande importanza per la ricerca sull'evoluzione dell'uomo. E, anche se questo fatto è stato il motivo per includere la Valle nella lista dell'UNESCO, in realtà attrae i turisti per la bellezza dei suoi paesaggi e la possibilità di entrare in contatto con le tribù che abitano le queste terre. Si contano piú di 20 tribù e queste rappresentano 4 gruppi di lingue. I più numerosi sono gli Hamar, mentre i più famosi sono i Mursi le cui donne portano grandi anelli di argilla sulle labbra inferiori. Se potete, affrettatevi a visitare la zona: gli investimenti, in particolare la costruzione di dighe e raffinerie di zucchero, stanno alterando il carattere del sud dell'Etiopia in modo irreversibile.

FASIL GHEBBI A GONDAR

Nel 16-17 ° secolo questa città fortificata fu la città residenziale dell'imperatore Fasilides dell'Etiopia e dei suoi successori. È circondata da mura per un perimetro di 900 metri e all’interno si possono trovare palazzi, chiese, monasteri, edifici pubblici e case private. Tutti sono stati eretti in uno stile unico, combinando influenze indiane e arabe con quelle barocche portate qui dai missionari, i padri gesuiti. La maggior parte delle chiese di Gondar cadde vittima della distruzione durante l'invasione dei seguaci del Mahdi dal Sudan. Questo periodo storico è stato descritto per noi in modo più dettagliato da Henryk Sienkiewicz nel suo romanzo "Per deserti e foreste". Tra le chiese superstiti, quella che è particolarmente incantevole è la chiesa di Debre Birhan Selassie, decorata con affreschi di straordinaria bellezza. A Gondar, vale la pena vedere le Terme di Fasilides, situate a circa 2 km dal centro. Questo edificio a due piani, situato sul fondo di una piscina, scavato nel terreno, fu probabilmente la residenza dell'imperatore. L'intero edificio è circondato da un muro fatto di pietre. Gondar è un tradizionale punto di partenza per escursioni nella regione di trekking più popolare dell'Etiopia, i Monti Simien..

HARAR JEGOL

Circondata dal deserto e dalla savana, la città fortificata di Harar è situata su un altopiano attraversato da profonde gole. È conosciuta come la quarta città santa dell'Islam. In essa sono state erette 82 moschee (tre risalgono al 10 ° secolo) e 102 case di preghiera. Nei secoli XIII-XVI, la città fu dotata di mura che la circondavano. La maggior parte delle case sono a un piano con tre stanze e un cortile privato. Un altro tipo di casa, chiamato tipo indiano, è rappresentata dagli edifici costruiti dai mercanti indiani alla fine del XIX secolo. Queste case sono edifici rettangolari a due piani con una veranda che sporge nel cortile o sulla strada. Il terzo tipo è la combinazione dei due precedentemente citati. L'architettura della città è eccezionale e diversa da quella che si può vedere da qualsiasi altra parte, sia in Etiopia che in altre città musulmane. Il suo attuale aspetto esteriore è stato definitivamente formato nel XVI secolo ed è caratterizzato dal labirinto di strade strette sulle quali si affacciano le case. Negli anni 1520-1568, la città divenne la capitale del Regno di Harar. Nei secoli XVI-XIX, era un centro di commercio e insegnamento del Corano. Nel XVII secolo, insieme alle aree adiacenti, divenne un emirato indipendente. Seguí l’occupazione egiziana e nell'anno 1877 venne incorporata all’Etiopia. La città è un noto centro di artigianato molto artistico: tessitura, cesteria e rilegatura di libri, e fa tendenza per l’interior design.

CHIESE DI ROCCIA DI LALIBELA

Dopo la caduta del regno di Axum, i re della dinastia Zagwe trasferirono la loro residenza a Lalibela, a sud-est di Axum. Lì eressero una città e capitale fiorente, densamente popolata e residenza della loro dinastia nel Medioevo. Lalibela, precedentemente nota come Roha, venne cosí chiamata per commemorare il re di Lalibela della fine del XII secolo. La città venne dichiarata la Nuova Gerusalemme. In quel periodo storico, viaggiare in pellegrinaggio verso la vera Gerusalemme era impossibile perché le terre tra Gerusalemme ed Etiopia erano state conquistate dai musulmani. Le chiese di Lalibela non lasciano nessuno indifferente. Questi enigmatici edifici sono stati interamente forgiati da una massa omogenea di tufo vulcanico rosso. Sembrano assolutamente irreali e creati da una specie di potere sovrumano. Templi rupestri possono essere ammirati in diversi luoghi del mondo, ma è solo qui che non sono stati creati solo lo spazio interno, ma anche facciate e muri esterni. Le chiese di Lalibela sono considerate le meno conosciute tra le otto meraviglie del mondo, ma meritano appieno questo nome. Gli edifici sono nella loro interezza forgiati nella roccia e, contemporaneamente, completamente separati da essa. Col passare dei secoli, Lalibela cominció gradualmente a diminuire di importanza sino a diventare quasi un piccolo villaggio situato ai piedi della montagna Abuna Yosef che è praticamente inaccessibile. È solo avvicinandosi alla chiese di roccia che davvero si comincia a comprendere l’eccezionalitá delle chiese. La chiesa monolitica di San Giorgio, con la caratteristica forma a croce greca, evoca ammirazione. La chiesa più grande è Bet Medhane Alem ed è lunga 33 metri, larga 23 e alta 11,5. Il re di Lalibela impiegò 40 mila lavoratori per farla scavare. Una leggenda narra che gli operai lavorassero di giorno e la notte il loro lavoro veniva continuato dagli angeli con una forza raddoppiata. Perché queste chiese non sono state erette in pietra, in un modo più ordinario? La risposta a questa domanda è rimasta sconosciuta fino ad oggi. Una delle ipotesi é che scavarle nella roccia le avrebbe protette rendendole indistruttibilii all’arrivo di eventuali invasioni nemiche. La Nuova Gerusalemme non offre solo chiese rupestri, ma anche corridoi sotterranei bui, sui quali si devono ancora sentire le orme di diaconi ... "vedere per credere"!

THE CULTURAL LANDSCAPE OF KONSO

This area, situated on a dry plateau, is inhabited by the people called Konso, who have developed an unique and complex culture. The community is composed of the nine clans of Kafa, each of which has its own leader. They play a decisive role in resolving conflicts, in particular in the case of it being necessary to declare a war. Neighbouring hills are covered by terraces ensuring taking maximum advantage of the potential of rocky slopes. Konso use crop rotation and fertilizing the land with the excrements of animals. They live in intensively-urbanized settlements, situated on the tops of hills and surrounded by several circles of stone walls. The outside appearance of their villages is appealing and tidy, similarly to that of their inhabitants. The women of Konso wear characteristic stripped skirts, resembling those known from the area around the Polish town of ?owicz. In every fortified village, there is a public utility place, called Mora. It is there those political disputes, the meetings of courts, wedding ceremonies and harvest festivals take place. On the area of each and every Mora, a house designated for use by young men is situated. They sleep in it, in order to facilitate rapid mobilization in the case of the threat of fire or the attack of enemies. It is also there that Olahita, a collection of generation-marking poles, is to be found. Every 18 years, one pole is added; counting them, it is easy to determine the age of the village. Another unique tradition is that of a wooden stele, called Waka. These were usually erected on the graves of the leaders of clans and heroes. Those who were merited for the defense of the village, and also hunters who overpowered a lion, panther or an African buffalo, became heroes.

IL PARCO NAZIONALE DELLE MONTAGNE DI SIMIEN

Called „African Tibet” or „the Roof of the Black Continent”, the Semien Mountains are one of the most beautiful, and still remaining intact, mountain ranges of the continent. The long-time processes of erosion have formed one of the most spectacular landscapes of the world on Ethiopian plateau. It is made different by the jagged mountain tops, valleys and precipices (the depth of which amounts to maximum 1500 meters). The highest mountain top, Ras Dashen (4620 meter above the sea level), is the fourth highest in Africa, after Kilimanjaro, Kenya and Ruwenzori on the border of the Congo and Uganda. Further 12 peaks are higher than 4000 meter above the sea level The Park is mainstay of the rare species of animals. Gelada baboons graze here in groups the headcount in which reaches even as many as several hundreds of specimen. One needs to be more fortunate to meet kaberu; that is the name of the Ethiopian wolf, also called the Abyssinian fox. The surviving group of the specimen of this species is very small. Although it lives in packs, like a wolf, it hunts alone like a fox. The walia ibex (Walia ibex), having twisted horns and living nowhere elsewhere, than in the Semien Mountains, used to be a species on the verge of extinction.

TIYA

Si trova a sud di Addis Abeba, vicino alla strada per Butajira. Questo è uno dei siti archeologici più importanti, su 160, scoperto finora nella regione di Soddo. Il sito comprende più di 40 obelischi di pietra, tra cui stele scolpite ricoperte di motivi che ricordano spade ed ensete (una specie di banano coltivato in Etiopia) ed altri simboli il cui significato rimane sconosciuto. Secondo le ricerche più recenti, le pietre segnano i luoghi di sepoltura, risalenti a 700 anni fa, di donne e uomini sepolti nella posizione embrionale. Una delle più interessanti stele può essere ammirata ad Addis Abeba nell'area dell'università.

 

Specializzato in

Vacanze birdwatching in Etiopia, Vacanze Trekking, Viaggi e Avventure, Safari, Spedizioni con Camping, Safari Fotografici, Vacanze Storiche, Vacanze Culturali (festival, cerimonie, eventi), Organizzazione e Supporto per Film e Documentari, Viaggi Stampa, Prenotazione Hotel, Noleggio Auto.

Timeless Ethiopia Touring Ptv.Ltd.Co.

Timeless Ethiopia Touring Ptv.Ltd.Co.

Address
Nifas Silk Lafto Sub city, Wereda 09 Saris Addisu Seffer, Heyday Hotel
Address
Addis Ababa, Ethiopia
Phone
+251 118 889 695
Phone
+251 114 709 089
Phone
+251 114 70 8317
Phone
+251 114 70 7994
Mobile
+251 911 510 881
Mail
tours@timelessethiopia.com